La banca dati documentale sul lavoro
Ricerca semplice Ricerca avanzata Ricerca incrociata
L'Autorità europea del lavoro: spunti di riflessione

A cura della Direzione Benchmarking e Relazioni Internazionali. La libera circolazione di lavoratori e servizi costituisce un elemento fondamentale per l'Unione europea; essa però dipende dalla presenza di norme chiare ed eque sulla mobilità transfrontaliera dei lavoratori e sul coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale e dalla loro effettiva applicazione. Nel tempo, l'UE si è perciò adoperata per migliorare le norme di riferimento. Con il discorso sullo Stato dell’Unione del settembre 2017, il Presidente Juncker ha infatti proposto l'istituzione di un'Autorità europea del lavoro per garantire l'applicazione semplice ed efficace delle norme europee proprio in materia di mobilità dei lavoratori. L’Autorità, che diventerà operativa entro un anno (2019) dall'entrata in vigore del Regolamento istitutivo, avrà quindi una serie di compiti operativi, tra cui: erogazione di servizi e informazioni pertinenti agli individui e ai datori di lavoro, sostegno alla cooperazione fra Stati membri, con scambio di informazioni e la realizzazione di ispezioni congiunte, mediazione e cooperazione in caso di controversie transfrontaliere nell’ambito del mercato del lavoro. La posizione italiana in merito è formalizzata con Nota della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Politiche europee, del 17 aprile 2018, nella quale il Ministero del Lavoro sottolinea l'importanza di tale Autorità in relazione ai propri compiti, prettamente operativi. Emergono invece alcune perplessità in relazione alle responsabilità in capo al funzionario di collegamento di ciascun Paese membro, oltre alla possibilità di considerare un modello di governance tripartito che includa, oltre alla Commissione europea e agli Stati membri, anche le parti economiche e sociali, quest'ultime attualmente coinvolte solo in un organismo distinto dal Consiglio di amministrazione.

Apri: L'Autorità europea del lavoro: spunti di riflessione  pdf 559 KB

Soggetto emanante: ANPAL Servizi
Autore:
Data:
Tipologia: Studi e ricerche
Parole chiave: mobilità territoriale   politiche comunitarie   politiche attive del lavoro   mercato del lavoro   semplificazione amministrativa   occupazione   lavoro all'estero   iniziativa comunitaria   governance   formazione professionale   diritto del lavoro   conflitto di lavoro  

Documenti correlati
Comunicazione della Commissione europea, 22 novembre 2017, COM(2017) 674 def.
Comunicazione della Commissione europea, 9 ottobre 2017, COM(2017) 583 def.
Nota Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento politiche europee 17 aprile 2018, n. 0003599 P-4.22.25
Comunicazione della Commissione europea, 13 marzo 2018, COM(2018) 131 def.
La mobilità geografica del lavoro nel contesto di crisi

Nella rete
Commissione europea - Occupazione affari sociali e inclusione
Consiglio dell'Unione europea
Parlamento europeo
Oakley skidglasögonGHD Plattång,Kate Spade handbags online,Planchas de pelo ghd baratas,Nike Air Jordan Shoes outlet nz,Herve Leger Rea,UGG hombre madrid,Isabel Marant homme pas cher,Piumini Duvetica Uomo Milano,Nike Air Max rea Sverige 2016,Billiga UGG Stövlar rea,Canada Goose jack dam,moncler hombre online,Canada Goose outlet baratas,Christian Louboutin Outlet Online,Chrome Hearts outlet Italia,Hollister Outlet,moncler Jacka Dam