La banca dati documentale sul lavoro
Ricerca semplice Ricerca avanzata Ricerca incrociata
Comunicazione della Commissione europea, 27 maggio 2020, COM(2020) 456 def.

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni. "Il momento dell'Europa: Ricostruire e Preparare a una Nuova Generazione". Gli effetti della diffusione del COVID-19 in Europa non sono stati devastanti solo dal punto di vista sanitario, ma hanno anche impattato sul tessuto economico e sociale dei Paesi membri. L'Unione europea si è fin dal principio mossa per adottare le necessarie misure di contrasto, secondo il principio che ogni singolo euro investito in uno Stato è un euro investito per tutti. Una ripresa globale e coesa in grado di accelerare la transizione verde e digitale può rafforzare la competitività, la resilienza e la propria posizione a livello globale. Per questo motivo la Commissione propone un nuovo pacchetto per la ripresa che, nell'ambito di un bilancio a lungo termine dell'UE rinnovato, è in grado di generare 1,85 trilioni di euro per rilanciare l'economia. Occorrono infatti ingenti investimenti su vasta scala e velocità, sia pubblici che privati: se lasciata ai singoli Paesi membri, la ripresa sarebbe probabilmente incompleta, irregolare e non equa. Nell'ambito delle risorse sopra evidenziate, la Commissione propone un nuovo strumento da 750 miliardi di euro, denominato "Next Generation EU", integrato nel bilancio di lungo termine dell'Unione europea. La liquidità sarà raccolta aumentando temporaneamente il massimale delle risorse proprie al 2% del reddito nazionale lordo dell'UE, allo scopo di consentire alla Commissione l'utilizzo del suo rating creditizio per chiedere in prestito 750 miliardi di euro sui mercati finanziari, da rimborsare, attraverso i futuri bilanci dell'UE, non prima del 2028 e non dopo il 2058. Tutti i fondi raccolti attraverso Next Generation EU e il nuovo bilancio dell'UE devono essere incanalati attraverso i programmi comunitari. Le misure sono articolate in tre pilastri, nello specifico: un nuovo strumento di ripresa da 560 miliardi, erogati tramite sovvenzioni e prestiti, a sostegno delle misure di ripresa adottate dai Paesi membri; l'iniziativa REACT-EU a sostegno della coesione negli Stati membri, con un bilancio di 55 miliardi di euro; ulteriori stanziamenti (32,5 miliardi di euro) per il Fondo per una transizione equa (Just Transition Fund), nonché per il Fondo agricolo europeo per lo sviluppo rurale. Il secondo pilastro riguarda il rilancio dell'economia europea incentivando gli investimenti privati, tramite un nuovo strumento di sostegno alla solvibilità  offrire supporto alle imprese in difficoltà; il potenziamento del programma InvestEU, all'interno del quale creare uno strumento strategico in grado di generare 150 miliardi di investimenti. Il terzo pilastro riguarda la creazione di un un nuovo programma autonomo, denominato EU4Health, con un bilancio di 9,4 miliardi di euro, capace di assicurare maggiore proattività di fronte alle future crisi sanitarie. La Commissione intende poi mettere il Green Deal al centro della strategia di crescita europea, assieme alla nuova tassonomia per la finanza sostenibile, al fine di diventare in motore per la realizzazione di nuovi posti di lavoro. Particolare importanza è riposta anche nella transizione digitale dell'economia, investendo in una migliore connettività, assicurando una migliore presenza ICT e tecnologica nei comparti strategici delle imprese, ma soprattutto realizzando un'economia basata sui dati. A sostegno del mercato del lavoro, oltre allo strumento temporaneo per mitigare la disoccupazione (SURE, con una dotazione di 100 miliardi di euro), viene proposto il "Solvency Support Instrument" per aiutare le imprese maggiormente in difficoltà a preservare l'occupazione e le attività. Un rafforzato sostegno all'occupazione giovanile è in grado di supportare i giovani ad individuare un'opportunità di lavoro, di istruzione o di formazione, mentre una forte economia sociale può offrire mirate opportunità per aiutare i più vulnerabili a ricollocarsi.

Apri: Comunicazione della Commissione europea, 27 maggio 2020, COM(2020) 456 def.  pdf 438 KB
Apri: Allegato 1  pdf 1 MB
Apri: Allegato 2  pdf 590 KB
Apri: Allegato 3  pdf 613 KB
Apri: Allegato 4  pdf 233 KB

Soggetto emanante: Commissione europea
Autore:
Data:
Tipologia: Comunicazioni della Commissione
Parole chiave: economia   finanziamenti comunitari   iniziativa comunitaria   politiche di contrasto alla crisi   politiche comunitarie   digitalizzazione   mercato del lavoro   mercato unico   politiche di coesione   fondi strutturali 2014-2020  

Documenti correlati
Comunicazione della Commissione europea, 13 marzo 2020, COM(2020) 113 def.
Comunicazione della Commissione europea, 13 marzo 2020, COM (2020) 112 def.
Comunicazione della Commissione europea, 2 aprile 2020, COM(2020) 174 def.
Risoluzione del Parlamento europeo del 15 maggio 2020, n. 2020/124
Comunicazione della Commissione europea, 14 gennaio 2020, COM(2020) 22 def.
Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio, 20 aprile 2020, n. 0054/2020

Nella rete
Commissione Europea
Consiglio dell'Unione europea
Parlamento europeo
Oakley skidglasögonGHD Plattång,Kate Spade handbags online,Planchas de pelo ghd baratas,Nike Air Jordan Shoes outlet nz,Herve Leger Rea,UGG hombre madrid,Isabel Marant homme pas cher,Piumini Duvetica Uomo Milano,Nike Air Max rea Sverige 2016,Billiga UGG Stövlar rea,Canada Goose jack dam,moncler hombre online,Canada Goose outlet baratas,Christian Louboutin Outlet Online,Chrome Hearts outlet Italia,Hollister Outlet,moncler Jacka Dam