La banca dati documentale sul lavoro
Ricerca semplice Ricerca avanzata Ricerca incrociata
Comunicazione della Commissione europea, 23 maggio 2018, COM(2018) 411 def.

"Raccomandazione del Consiglio sul Programma Nazionale di Riforma 2018 dell'Italia e sul parere del Consiglio sul Programma di Stabilità 2018 dell'Italia". L'Italia si trova attualmente nel meccanismo preventivo del Patto di Stabilità e di Crescita e sottoposta alla regola del debito, con il proprio Programma di Stabilità 2018 predisposto dal Governo uscente a legislazione vigente. Il disavanzo nominale dovrebbe passare dal 2,3% sul PIL nel 2017, all'1,6% nel 2018, fino allo 0,8% nel 2019; assieme al calo del rapporto debito/PIL, fino al 122% nel 2021. Viene poi evidenziata la necessità di ridurre la spesa pubblica in misura non eccedente lo 0,5% del PIL. Per quanto concerne la spesa previdenziale, al 15% sul prodotto interno lordo, tra le più elevate nei Paesi dell'Unione europea, occorre intervenire efficacemente per ridurne l'incidenza, dirottando risorse su altri capitoli quali il contrasto alla povertà e l'istruzione. Circa la pressione fiscale, che incide pesantemente sugli investimenti e sull'occupazione, occorre trasferire la pressione impositiva su altre poste meno dannose per la crescita quali la proprietà ed i consumi. Circa gli investimenti, ancora sotto i livelli del 2007, è necessario promuovere fare leva sul settore privato, attraverso una programmazione di lungo periodo, semplificando gli adempimenti amministrativi e promuovendo allo stesso tempo una forza lavoro adeguatamente formata. In relazione al mercato del lavoro, nonostante i miglioramenti riscontrati nell'ultimo anno, occorre riportare il totale di ore lavorate ai livelli pre-crisi, ma soprattutto contrastare la disoccupazione di lunga durata e quella giovanile. La Raccomandazione quindi auspica per il biennio 2018-2019 una più incisiva riforma del mercato del lavoro, capace di assicurare pari opportunità nel supporto all'occupazione e alla formazione. Sostiene quindi una maggiore partecipazione delle donne tramite una strategia capace di adeguare le politiche di sostegno alla genitorialità e le strutture di assistenza all'infanzia. Da ultimo, ribadisce l'importanza di promuovere la ricerca e le competenze digitali mediante specifici investimenti, nonché aumentata partecipazione al percorsi di adeguamento professionale.

Apri: Comunicazione della Commissione europea, 23 maggio 2018, COM(2018) 411 def.  pdf 191 KB

Soggetto emanante: Commissione europea
Autore:
Data:
Tipologia: Comunicazioni della Commissione
Parole chiave: analisi economica   fondi strutturali 2014-2020   finanza pubblica   finanziamenti comunitari   politiche attive del lavoro   politica industriale   politica sociale   previdenza   industria   mercato del lavoro  

Documenti correlati
Rapporto annuale ISTAT 2018. La situazione del Paese
Comunicazione della Commissione europea, 7 marzo 2018, COM(2018) 120 def.
Comunicazione della Commissione europea, 2 maggio 2018, COM(2018) 322 def.
Comunicazione della Commissione europea, 2 maggio 2018, COM(2018) 321 def.
Comunicazione della Commissione europea, 22 novembre 2017, COM(2017) 690 def.
Documento di Economia e Finanza 2018

Nella rete
Commissione europea - Occupazione affari sociali e inclusione
Consiglio dell'Unione europea
Parlamento europeo
Oakley skidglasögonGHD Plattång,Kate Spade handbags online,Planchas de pelo ghd baratas,Nike Air Jordan Shoes outlet nz,Herve Leger Rea,UGG hombre madrid,Isabel Marant homme pas cher,Piumini Duvetica Uomo Milano,Nike Air Max rea Sverige 2016,Billiga UGG Stövlar rea,Canada Goose jack dam,moncler hombre online,Canada Goose outlet baratas,Christian Louboutin Outlet Online,Chrome Hearts outlet Italia,Hollister Outlet,moncler Jacka Dam