La banca dati documentale sul lavoro
Ricerca semplice Ricerca avanzata Ricerca incrociata
Le donne inattive per motivi familiari

Il dibattito sulle misure più efficaci per favorire la crescita dell'occupazione femminile in Italia, è stato negli ultimi anni alimentato da molti studi ed è stato al centro delle politiche del Governo e delle Regioni. Ad oggi, però ancora risultano occupate a non più della metà delle donne in età lavorativa e meno di un terzo nel Mezzogiorno. Nella media dell'Unione Europea il tasso di occupazione femminine è invece vicino al 60%. Il problema in Italia è che la maternità, continua ad essere, il principale motivo della decisione di non lavorare o di abbandonare il lavoro, e comunque rappresenta la causa di molte discriminazioni sui luoghi di lavoro.
La maggior parte degli studiosi sostiene che bisognerebbe predisporre misure per favorire la conciliazione lavoro-famiglia, favorendo il potenziamento dei servizi di cura e la flessibilità dell'orario di lavoro, e anche tramite l'introduzione di una tassazione differenziata per genere a favore delle donne con riduzione del cuneo fiscale perché stimolerebbe le imprese ad assumerle, aumenterebbe il salario delle donne e il loro potere contrattuale nei confronti degli uomini.
Su questi aspetti si inserisce il fattore "dimensione aziendale" che può sensibilmente incidere sui meccanismi di flessibilità oraria o sul telelavoro che sono ancora poco Infine, è generalmente condivisa l¿opinione che, per essere efficaci, le politiche per il raggiungimento delle pari opportunità e per l¿aumento dell¿occupazione femminile devono pervadere, in modo trasversale, ogni settore.
Dall'analisi dei dati emerge che, le donne inattive per motivi familiari (per prendersi cura dei figli, di bambini e/o di adulti non autosufficienti, per maternità, nascita di un figlio) sono complessivamente 1 milione 508 mila, per quasi la metà residenti nel Mezzogiorno (47%), il 36% nel Nord e il 17% nel Centro. Quasi un quinto  di queste è composto da straniere (18%, pari a 266 mila unità), in maggioranza extracomunitarie (14%)Il livello d¿istruzione delle donne inattive per motivi familiari è piuttosto basso: quasi il 60% non ha completato la scuola dell¿obbligo (ha conseguito al massimo la licenza media), le diplomate (qualifica professionale e istruzione secondaria superiore) sono complessivamente poco più di un terzo e le laureate poco meno del 7%.
La disponibilità al lavoro di questo gruppo di donne è decisamente modesta dal momento che l¿81,8% non cerca e non è disponibile a lavorare e complessivamente solo la restante quota del 18,2% è disponibile.
Nella media italiana, solo il 12% di questa platea di donne è entrata o rientrata nel mercato del lavoro come occupata (6,3%) o alla ricerca attiva di un¿occupazione (5,9%), mentre il restante 87,9% non ha cambiato la condizione di inattiva.
La quota di donne uscite dallo stato di inattività per motivi familiari sale al 16,5% nel Nord-Est (9,3% occupate e 7,1 disoccupate) e scende al 9,3% nel Sud (4,5% occupate e 4,8% disoccupate).

Apri: Le donne inattive per motivi familiari  pdf 1 MB

Soggetto emanante: Italia Lavoro
Data: 15-02-2012
Tipologia: Studi e ricerche
Parole chiave: donne   pari opportunità   tipologie contrattuali   conciliazione lavoro-famiglia   flessibilità del lavoro  

Documenti correlati
Le donne e il Mercato del Lavoro
Misure per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne nelle amministrazioni pubbliche. Rapporto di sintesi per l'anno 2010
Lo sviluppo salariale - 2010
Occupazione part time in Europa
Mercato del lavoro e politiche di genere 2009-2010. Scenari di un biennio di crisi
8 marzo: giovani donne in cifre. Anni 2009-2010
Italia 2020. Programma di azioni per l'inclusione delle donne nel mercato del lavoro
Risoluzione del Parlamento europeo del 13 settembre 2011, n. 2011/2091 INI
Risoluzione del Parlamento europeo dell'8 marzo 2011, n. 2010/2138 INI

Nella rete
Ministero del lavoro
Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari Opportunità
Oakley skidglasögonGHD Plattång,Kate Spade handbags online,Planchas de pelo ghd baratas,Nike Air Jordan Shoes outlet nz,Herve Leger Rea,UGG hombre madrid,Isabel Marant homme pas cher,Piumini Duvetica Uomo Milano,Nike Air Max rea Sverige 2016,Billiga UGG Stövlar rea,Canada Goose jack dam,moncler hombre online,Canada Goose outlet baratas,Christian Louboutin Outlet Online,Chrome Hearts outlet Italia,Hollister Outlet,moncler Jacka Dam