La banca dati documentale sul lavoro
Ricerca semplice Ricerca avanzata Ricerca incrociata
Comunicazione della Commissione europea, 5 giugno 2019, COM(2019) 532 def.

Relazione della Commissione preparata a norma dell'articolo 126, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea. La presente relazione, che costituisce la prima fase della procedura per i disavanzi eccessivi, esamina la conformità dell'Italia nel 2018 al criterio del debito stabilito dal Trattato, tenendo debitamente conto del contesto economico e di altri fattori significativi. Dai dati emerge che nel 2018 il disavanzo pubblico dell'Italia è ammontato al 2,1 % del PIL. Stando al programma di stabilità e alle previsioni di primavera 2019 della Commissione, il disavanzo pubblico dell'Italia rispetterà nel 2019 il valore di riferimento del 3 % del PIL stabilito dal Trattato, ma sarà tuttavia superato. Le previsioni di primavera 2019 della Commissione prevedono per l'Italia un disavanzo pubblico pari al 2,5% del PIL nel 2019 e in crescita al 3,5% nel 2020. Emerge quindi che l'Italia rispetta attualmente il criterio del disavanzo definito nel Trattato TFUE e nel Regolamento n. 1467/97, sebbene vi sia il rischio che, secondo le previsioni della Commissione, non lo rispetti nel 2020, a politiche invariate. Nonostante poi i progressi compiuti in alcuni ambiti di riforma (ad esempio mercato del lavoro e Pubblica Amministrazione), gli effetti della crisi e le persistenti debolezze strutturali continuano a pesare sul potenziale di crescita del Paese. L'elevato debito pubblico italiano è poi una notevole fonte di vulnerabilità per l'economia, nonostante le misure di recente adozione invertano parzialmente gli effetti positivi delle passate riforme delle pensioni e indeboliscono la sostenibilità di bilancio a lungo termine del Paese. L'introduzione della nuova possibilità di pensionamento anticipato rappresenta quindi un passo indietro rispetto alle precedenti riforme pensionistiche da cui dipende la sostenibilità a lungo termine dell'elevato debito pubblico dell'Italia e può incidere negativamente sulla crescita potenziale italiano. Si sottolinea infine come il Programma Nazionale di Riforma 2019 affronta solo parzialmente le questioni strutturali sollevate dalle raccomandazioni specifiche per Paese 2018, anche se la strategia globale di riforma italiana si basa in gran parte su importanti riforme già avviate in diversi settori, in continuità rispetto ai precedenti PNR.

Apri: Comunicazione della Commissione europea, 5 giugno 2019, COM(2019) 532 def.  pdf 692 KB

Soggetto emanante: Commissione europea
Autore:
Data:
Tipologia: Comunicazioni della Commissione
Parole chiave: politica economica   politiche di sviluppo   previdenza   finanziamenti comunitari   pubblica amministrazione   mercato del lavoro   finanza pubblica  

Documenti correlati
Documento di lavoro della Commissione europea, 27 febbraio 2019, SWD(2019) 1011 def.
Collegare le persone con il lavoro. Rafforzare le politiche attive del lavoro in Italia. Premessa. Sintesi. Valutazione e raccomandazioni
Previsioni economiche europee - Primavera 2019
Documento di economia e finanza 2019
Versione consolidata del trattato sull'Unione Europea e del trattato sul funzionamento dell'Unione Europea
Comunicazione della Commissione europea, 21 novembre 2018, COM(2018) 809 def.
2018. Previsioni sulle competenze - Italia

Nella rete
Commissione Europea
Ministero dell'Economia e delle Finanze
Presidenza del Consiglio dei Ministri
Oakley skidglasögonGHD Plattång,Kate Spade handbags online,Planchas de pelo ghd baratas,Nike Air Jordan Shoes outlet nz,Herve Leger Rea,UGG hombre madrid,Isabel Marant homme pas cher,Piumini Duvetica Uomo Milano,Nike Air Max rea Sverige 2016,Billiga UGG Stövlar rea,Canada Goose jack dam,moncler hombre online,Canada Goose outlet baratas,Christian Louboutin Outlet Online,Chrome Hearts outlet Italia,Hollister Outlet,moncler Jacka Dam