La banca dati documentale sul lavoro
Ricerca semplice Ricerca avanzata Ricerca incrociata
Conclusioni del Consiglio europeo, 17-21 luglio 2020, n. EUCO 10/20

Nell'attuale scenario pandemico da COVID-19, i cui effetti sono stati particolarmente severi non solo dal punto di vista sanitario, ma anche da quello socio economico nei Paesi membri, la sessione straordinaria del Consiglio ha sottolineato la necessità di mitigare la crisi attraverso uno sforzo senza precedenti, nonché un approccio innovativo, in grado di sostenere la convergenza, la resilienza e la trasformazione dell'Unione europea. Sulla base dei colloqui bilaterali avviati a margine della sessione, la conclusioni presentano una soluzione equilibrata capace di tutelare gli interessi e le posizioni dei Paesi membri, rappresentando un pacchetto esaustivo capace di combinare il Quadro finanziario pluriennale con gli strumenti straordinari per la ripresa, per affrontare gli effetti di una crisi senza precedenti nel migliore interesse dell'UE. Nello specifico circa il Piano europeo per la ripresa economica (Next Generation EU - NGEU), la Commissione è autorizzata a prendere in prestito fondi sui mercati dei capitali per conto dell'UE fino a un importo di 750 miliardi di euro, fino al 2026. Le risorse possono essere utilizzate per prestiti fino a un importo di 360 miliardi di euro e per spese fino a un importo di 390 miliardi di euro. I rimborsi, conformemente al principio di sana gestione finanziaria, devono essere effettuati entro e non oltre il 31 dicembre 2058. Rispetto al totale sopra indicato gli importi stanziati per i singoli programmi prevedono: 672,5 miliardi per il Dispositivo per la ripresa e la resilienza (di cui 360 miliardi di prestiti e 312,5 di sovvenzioni); 47,5 miliardi per l'iniziativa ReactEU; 5 miliardi per Orizzonte Europa; 5,6 miliardi per InvestEU; 7,5 miliardi per lo sviluppo rurale; 10 miliardi per il Fondo per una transizione giusta (Just Transition Fund); 1,9 miliardi per il programma RescEU. Tra gli strumenti sopra citati, ad esempio, per il Dispositivo per la ripresa e la resilienza, il 70% delle sovvenzioni sarà impegnato negli anni 2021 e 2022, mentre il restante 30% entro la fine del 2023. Di norma, il volume massimo dei prestiti per ciascuno Stato membro non supererà 6,8% del suo reddito nazionale lordo. Per quanto concerne l'entità del Quadro finanziario pluriennale 2021-2027, questa è fissata a 1.074,3 miliardi di euro per realizzare gli obiettivi a lungo termine dell'Unione europea e preservare la piena capacità del piano per la ripresa. Per quanto riguarda le risorse proprie dell'UE, il massimale assegnato per coprire gli stanziamenti annuali di pagamento è fissato all'1,40% del reddito nazionale lordo (RNL) di tutti gli Stati membri; l'importo annuo totale degli stanziamenti per impegni non supera l'1,46% della somma dell'RNL. Il "nuovo" QFP risulta quindi articolato in sette assi: mercato unico, innovazione e digitale (133 milioni di euro); coesione e resilienza (378 milioni di euro); risorse naturali e ambiente (240 milioni di euro); migrazione e gestione dei confini (23 milioni di euro); sicurezza e difesa; vicinato; Pubblica amministrazione europea.

Apri: Conclusioni del Consiglio europeo, 17-21 luglio 2020, n. EUCO 10/20  pdf 636 KB

Soggetto emanante: Consiglio Europeo
Autore:
Data:
Tipologia: Conclusioni dei Consigli Europei
Parole chiave: finanziamenti comunitari   fondi strutturali 2021 - 2027   politica economica   politiche attive del lavoro   politiche comunitarie   politiche di contrasto alla crisi   politiche migratorie   politiche ambientali   economia   digitalizzazione   occupazione   mercato del lavoro   crisi aziendali   fasce deboli  

Documenti correlati
Comunicazione della Commissione europea, 13 marzo 2020, COM(2020) 113 def.
Comunicazione della Commissione europea, 13 marzo 2020, COM (2020) 112 def.
Comunicazione della Commissione europea, 27 maggio 2020, COM(2020) 442 def.
Insieme per la ripresa dell'Europa. Programma della Presidenza di turno della Germania del Consiglio dell'Unione europea 1° luglio - 31 dicembre 2020
Parere del Comitato economico e sociale europeo 10 luglio 2020, n. ECO/523
Il Green Deal europeo e la politica di coesione. Nota di approfondimento
COVID-19: le misure a sostegno dell'economia e del mercato del lavoro nell'Unione europea. Nota di approfondimento
COVID-19: il piano di ripresa della Commissione europea e il nuovo programma di lavoro 2020. Nota di approfondimento

Nella rete
Consiglio dell'Unione europea
Commissione Europea
Parlamento europeo
Unione Europea
Oakley skidglasögonGHD Plattång,Kate Spade handbags online,Planchas de pelo ghd baratas,Nike Air Jordan Shoes outlet nz,Herve Leger Rea,UGG hombre madrid,Isabel Marant homme pas cher,Piumini Duvetica Uomo Milano,Nike Air Max rea Sverige 2016,Billiga UGG Stövlar rea,Canada Goose jack dam,moncler hombre online,Canada Goose outlet baratas,Christian Louboutin Outlet Online,Chrome Hearts outlet Italia,Hollister Outlet,moncler Jacka Dam