La banca dati documentale sul lavoro
Ricerca semplice Ricerca avanzata Ricerca incrociata
Occupazione e sviluppo sociale in Europa. Rapporto annuale 2020

"Employment and Social Developments in Europe. Annual Review 2020". Prima dell'epidemia da COVID-19, l'Europa si trovava in economico-sociali favorevoli; il 2020 era iniziato con la prosecuzione degli andamenti positivi in tutti i settori. Nonostante la decelerazione della crescita economica rispetto al 2018, per tutto il 2019, l'UE ha registrato la più alta occupazione nella storia e la più bassa disoccupazione, con un elevato tenore di vita e consolidate finanze pubbliche. L'avvento dell'epidemia ha determinato pesanti ricadute sul mercato del lavoro. Mentre la maggior parte della popolazione è stata costretta a misure di confinamento sociale per settimane, la prosecuzione del lavoro in specifici settori (in particolare l'assistenza sanitaria e cura della persona, trasporti, agricoltura, servizi di ristorazione) ha esposto gli occupati a maggiori rischi di contagio e perdite di reddito. Quelli con uno status lavorativo non standard (tra cui i tirocinanti e gli atipici) sono stati più esposti al rischio di disoccupazione. I giovani, in particolare, hanno subito le maggiori conseguenze della crisi, per via dell'interruzione dei percorsi educativi e formativi (specie in assenza di modalità di apprendimento a distanza) e dalle difficoltà, nello scenario di riferimento, delle transizioni scuola-lavoro. Complessivamente, quindi, la previsione dell'andamento del mercato del lavoro nell'Unione europea per il 2020 è di un incremento medio della disoccupazione al 9%, pur evidenziando l'efficacia delle misure di contrasto adottate dai Paesi membri, soprattutto per quanto concerne gli schemi di orario di lavoro ridotto (sui quali l'introduzione del nuovo strumento di sostegno SURE può offrire un concreto supporto). La crisi ha poi amplificato le difficoltà tra i gruppi maggiormente vulnerabili, quali le famiglie monoparentali, i disabili, gli anziani, i migranti e tutte le minoranze in genere. Quasi un quarto (24%) della popolazione in età lavorativa dell'UE si è trovata al di sotto della soglia di povertà. Occorrono pertanto politiche strutturali mirate per contrastare e superare l'attuale scenario e gettare le basi per una società maggiormente inclusiva, resiliente e preparata alle transizioni verde e digitale; ciò grazie anche al contributo del dialogo sociale e della contrattazione collettiva, capace di favorire una maggiore equità nel mercato del lavoro.

Apri: Occupazione e sviluppo sociale in Europa. Rapporto annuale 2020  pdf 7 MB

Soggetto emanante: Commissione europea
Autore:
Data:
Tipologia: Rapporti annuali
Parole chiave: lavoro atipico   lavoro subordinato   mercato del lavoro   occupazione   politiche attive del lavoro   politiche di contrasto alla crisi   politica sociale   ammortizzatori sociali   crisi aziendali   fasce deboli  

Documenti correlati
Previsioni economiche europee. Estate 2020
Rapporto annuale ISTAT 2020. La situazione del Paese
Analisi della situazione sociale e dello sviluppo delle politiche di protezione sociale nei Paesi membri e nell'Unione europea. Rapporto annuale 2019
Occupazione e sviluppo sociale in Europa. Rapporto annuale 2018
Occupazione e sviluppo sociale in Europa. Rapporto annuale 2019

Nella rete
Commissione Europea
Unione Europea
Oakley skidglasögonGHD Plattång,Kate Spade handbags online,Planchas de pelo ghd baratas,Nike Air Jordan Shoes outlet nz,Herve Leger Rea,UGG hombre madrid,Isabel Marant homme pas cher,Piumini Duvetica Uomo Milano,Nike Air Max rea Sverige 2016,Billiga UGG Stövlar rea,Canada Goose jack dam,moncler hombre online,Canada Goose outlet baratas,Christian Louboutin Outlet Online,Chrome Hearts outlet Italia,Hollister Outlet,moncler Jacka Dam