La banca dati documentale sul lavoro
Ricerca semplice Ricerca avanzata Ricerca incrociata
Indagine conoscitiva sulle misure per fronteggiare l'emergenza occupazionale, con particolare riguardo alla disoccupazione giovanile

Lo strumento "Garanzia per i Giovani", un pacchetto di misure per combattere la crescente disoccupazione giovanile e che rientra nell'iniziativa "Youth on the Move", mira ad assicurare un'offerta di lavoro, di istruzione, di tirocinio, entro quattro mesi dal termine di un ciclo di istruzione formale o dall'inizio dello stato di disoccupazione. Prevede una dotazione finanziaria complessiva di sei miliardi di euro nel periodo di programmazione 2014-2020 ed è rivolto a quelle regioni d'Europa il cui tasso di disoccupazione giovanile è superiore al 25%.
Per quanto riguarda l'Italia la dotazione è stimata in 540 milioni di euro ai quali si aggiungono gli stanziamenti regionali a valere sul Fondo sociale europeo. Obiettivo del presente documento è l'individuazione del target potenziamente beneficiario dell'iniziativa, assieme all'analisi delle cause circa l'elevata incidenza dei NEET e dei disoccupati in Italia, le criticità dei Servizi per l'impiego e le possibili politiche in favore di una maggiore partecipazione dei giovani al mercato del lavoro.
L'attuale scenario nazionale riporta un tasso di disoccupazione giovanile (fino a 24 anni di età), pari al 35,3%; si tratta di un valore elevato e superiore sia alla media europea (22,8%), che di quella dei principali Paesi membri (23,8% in Francia, 21% nel Regno Unito, 8,1% in Germania), con marcate differenze tra le Regioni del Centro-Nord e quelle del Mezzogiorno, queste ultime al 46,9%. In Italia, l'anomalia è data dall'elevata quota di inattivi, quasi due terzi dell'intera popolazione giovanile (71,3%), rispetto a valori più contenuti di altri Paesi membri dove l'integrazione dei giovani con il mercato del lavoro è più evidente. La bassa partecipazione della platea di riferimento al mercato del lavoro è quindi costituita dal ritardo nella transizione tra l'istruzione e il lavoro, ma anche dai divari occupazionali che si osservano tra le regioni del Centro-Nord e quelle del Mezzogiorno.
Con particolare riferimento alla platea dei NEET poi, il nostro Paese si colloca al primo posto in Europa, con 1,3 milioni di giovani che non studiano, non lavorano e non frequentano corsi di aggiornamento professionale, il 55% dei quali residente nelle regioni del Sud, Campania fra tutte. Sul totale, il45,9% ha un basso livello di studio, il 51,4% possiede la licenza secondaria, mentre solo il 2,7% è laureato.
Si tratta quindi di un bacino potenzialmente vasto da attivare, caratterizzato da un insieme eterogeneo di giovani con livelli di esclusione sociale molto differenziati e che si trovano nelle più diverse condizioni professionali. Sono quindi costituiti da più tipologie con caratteristiche molto diverse rispetto al rapporto con il mercato del lavoro, in particolare per quanto riguarda il livello di occupabilità e la propensione occupazionale.
In un'ottica di realizzazione delle misure previste dallo "Youth Guarante" emerge quindi la scarsa efficacia dei servizi per il lavoro, sia pubblici che privati, che hanno intercettato solo il 31,6% dei NEET potenzialmente interessati alla ricollocazione professionale. La stessa frequentazione dei centri per l’impiego non sembra inoltre aver avuto una grande utilità al fine di trovare un’occupazione, anche per via di una ridotta spesa a favore dei servizi stessi, l'1,9% del totale degli stanziamenti per le politiche del lavoro, rispetto alla media europea del 10,9%. Ulteriore criticità riscontrata nella ricerca è infine quella del rapporto tra utenti in carico e addetti che in Italia si colloca lontano dagli standard europei e che, per quanto concerne la platea di destinatari prevista dallo Youth Guarantee, colloca il nostro Paese all'ultimo posto della classifica, con 168 NEET per operatore, rispetto ai soli 14 del Regno Unito, 18 della Francia e addirittura 6 della Germania.

Apri: Indagine conoscitiva sulle misure per fronteggiare l'emergenza occupazionale, con particolare riguardo alla disoccupazione giovanile  pdf 1 MB

Soggetto emanante: Italia Lavoro
Autore: Roberto Cicciomessere
Data: 26-06-2013
Tipologia: Studi e ricerche
Parole chiave: fondi strutturali   giovani   fse   integrazione scuola-lavoro   politiche di contrasto alla crisi   politiche attive del lavoro   rete pubblico-privato   servizi per il lavoro  

Documenti correlati
Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano. Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo
Giovani e NEET in Europa: le prime evidenze
NEET. Giovani che non studiano e non lavorano caratteristiche, costi e risposte politiche in Europa
Comunicazione della Commissione europea, 5 dicembre 2012, COM(2012) 729 def.
Risoluzione del Parlamento europeo del 16 gennaio 2013, n. 2012/2901 INI
Conclusioni del Consiglio dell'Unione europea, 28 febbraio 2013, n. 6794/13
Parere del Comitato economico e sociale europeo del 21 marzo 2013, n. SOC/474
Garanzia per i giovani. La raccomandazione del Consiglio europeo per rilanciare l'occupazione giovanile
Comunicazione della Commissione europea, 19 giugno 2013, COM(2013) 447 def.

Nella rete
Commissione europea - Occupazione affari sociali e inclusione
Parlamento Italiano
Eurostat
EUROFOUND - Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro
ISTAT
Oakley skidglasögonGHD Plattång,Kate Spade handbags online,Planchas de pelo ghd baratas,Nike Air Jordan Shoes outlet nz,Herve Leger Rea,UGG hombre madrid,Isabel Marant homme pas cher,Piumini Duvetica Uomo Milano,Nike Air Max rea Sverige 2016,Billiga UGG Stövlar rea,Canada Goose jack dam,moncler hombre online,Canada Goose outlet baratas,Christian Louboutin Outlet Online,Chrome Hearts outlet Italia,Hollister Outlet,moncler Jacka Dam