La banca dati documentale sul lavoro
Ricerca semplice Ricerca avanzata Ricerca incrociata
Il mercato del lavoro 2019. Una lettura integrata

Rapporto frutto del lavoro congiunto del Gruppo di lavoro tecnico e del Comitato d'Indirizzo dell’Accordo fra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ISTAT, INPS, INAIL e ANPAL. Al netto degli effetti prodotti sia nell'economia che nel mercato del lavoro dalla diffusione del coronavirus, il rapporto evidenzia una prosecuzione, specie nell'ultimo trimestre del 2019, del PIL e, in misura minore, dell'occupazione. Quest'ultima, a dicembre 2019, raggiunge in valori assoluti il suo massimo storico di 23,4 milioni di persone, assieme all'andamento positivo delle ore lavorate che, seppure in rallentamento nell'ultimo trimestre dell'anno, determinano una flessione della disoccupazione al 7,4%. Tuttavia, permane la tendenza a bassa intensità lavorativa: il numero di occupati è sì superiore al livello del 2008, ma la quantità di lavoro utilizzato è ancora inferiore. La dinamica degli ultimi anni denota una discesa delle ore lavorate, contestualmente alla flessione del tempo pieno, a fronte di una sostanziale tenuta dell'occupazione. Permane il divario con il resto dei principali Paesi dell'Unione europea, con un gap medio relativo al numero di occupati pari a 10,2 punti percentuali, ma si acuiscono anche le divergenze territoriali all'interno dell'Italia stessa, con i primi mesi del 2019 che evidenziano una distanza tra Mezzogiorno e resto del Paese di oltre 20 punti per quanto concerne il tasso di occupazione e quello di mancata partecipazione. Relativamente alle tipologie contrattuali, si osserva un incremento del part-time che, nel 2018 incide per il 18,6% sul totale delle attivazioni. Si segnala tuttavia come il ricorso al tempo parziale sia spesso involontario, specie nel Mezzogiorno e sopratutto per le donne. Relativamente alle cessazioni, il rapporto fa emergere una flessione della quota di licenziamenti sul totale delle cessazioni stesse, passata dal 42% del 2014 al 36% del 2018. La quota di lavoratori licenziati in presenza dei requisiti richiesti per accedere alla NASpI oscilla attorno al 60% per gli anni 2016-2018. Viene quindi dedicata una sezione all'istituto del tirocinio, che negli ultimi anni ha visto un incremento nel numero di esperienze avviate (con un incremento del 53,9% nell'ultimo quinquennio), una progressiva estensione della tipologia di soggetti e beneficiari coinvolti e, infine, l'ampliamento della platea di settori e imprese che ne hanno fatto ricorso.

Apri: Il mercato del lavoro 2019. Una lettura integrata  pdf 2 MB

Soggetto emanante: Ministero del Lavoro et al.
Autore:
Data:
Tipologia: Rapporti annuali
Parole chiave: mercato del lavoro   statistica del lavoro   occupazione   disoccupazione   tipologie contrattuali   tirocini   ammortizzatori sociali  

Documenti correlati
Rapporto di monitoraggio nazionale in materia di tirocini extracurriculari
ll mercato del lavoro. Primo trimestre 2018. Una lettura integrata
Il mercato del lavoro. Secondo trimestre 2018. Una lettura integrata
Il mercato del lavoro. Quarto trimestre 2018 - Una lettura integrata
Il mercato del lavoro. Verso una lettura integrata
Il mercato del lavoro 2018 - Verso una lettura integrata

Nella rete
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
ISTAT
INAIL
INPS
ANPAL Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro
Oakley skidglasögonGHD Plattång,Kate Spade handbags online,Planchas de pelo ghd baratas,Nike Air Jordan Shoes outlet nz,Herve Leger Rea,UGG hombre madrid,Isabel Marant homme pas cher,Piumini Duvetica Uomo Milano,Nike Air Max rea Sverige 2016,Billiga UGG Stövlar rea,Canada Goose jack dam,moncler hombre online,Canada Goose outlet baratas,Christian Louboutin Outlet Online,Chrome Hearts outlet Italia,Hollister Outlet,moncler Jacka Dam