La banca dati documentale sul lavoro
Ricerca semplice Ricerca avanzata Ricerca incrociata
Il sistema duale di apprendistato per fronteggiare la disoccupazione giovanile: il modello della Provincia autonoma di Bolzano

Il crescente tasso di disoccupazione giovanile italiano costituisce una delle maggiori criticità del mercato del lavoro nazionale. Seppure il numero di disoccupati presenta valori analoghi a quelli di altri Paesi membri, considerando l'incidenza sulla stessa fascia di età, a preoccupare è l'elevato tasso di disoccupazione, il terzo in Europa dopo Grecia e Spagna; il fenomeno dipende dalla percentuale contenuta di giovani che lavorano e dall'elevata quota di inattivi, circa il 60% della popolazione di riferimento.
Una delle principali, se non la più importante, cause di bassa partecipazione giovanile al mercato del lavoro è costituita dal ritardo nella transizione istruzione-lavoro, assieme ai divari riscontrati tra le Regioni del Centro-Nord e quelle del Sud. Occorre pertanto intervenire nel mondo scolastico (specie quello del Mezzogiorno) incentivando quelle politiche basate soprattutto sulla promozione dell'apprendistato, accanto agli altri percorsi tradizionali di formazione in aula. Emerge infatti una ridotta percentuale, rispetto alla media europea, di giovani che frequentano corsi di studio e che allo stesso tempo lavorano: nel nostro Paese sono solo il 2,8%, contro il dato medio del 13,6% che aumenta al 23,5% in Germania. Più alta è quindi la partecipazione giovanile a questi percorsi, maggiori sono le possibilità di trovare un impiego.
Nel nostro Paese, la provincia autonoma di Bolzano si differenzia proprio per l'elevato tasso di occupazione dei giovani fino a 25 anni di età (40%, con un'elevata incidenza delle donne), mentre solo l'11,6% della platea di riferimento non ha trovato una collocazione professionale. Un contributo significativo all'elevata quota di occupati (soprattutto minorenni) è offerto dal contratto di apprendistato, in particolare quello di primo livello, per la qualifica e il diploma professionale (ex art. 3 DLgs n. 167/11).
Solo la Provincia autonoma di Bolzano ha infatti integrato, secondo il modello duale in vigore nei paesi di lingua tedesca, l’apprendistato per la qualifica e il diploma professionale all’interno del sistema pubblico di istruzione e formazione: al giovane in possesso della licenza media sono infatti offerti quattro percorsi, dal liceo all'istituto tecnico, dalla formazione professionale a tempo piano, fino a quella in apprendistato per il conseguimento della qualifica o del diploma per 108 profili professionali. L'iter formativo prevede un sistema di apprendimento fatto di esperienze sia nella scuola professionale (con frequenza obbligatoria) che sul luogo di lavoro, con almeno 400 ore annuali di formazione formale, mentre la retribuzione è determinata sulla base di scaglioni annuali ed è dovuta anche per le ore di frequenza scolastica.
Il 46,8% dei rapporti di lavoro dipendente in apprendistato della provincia viene poi svolto in imprese artigiane, costituendo l'incidenza più alta nelle regioni e nelle province autonome italiane.
Emergono quindi alcuni punti di forza e di debolezza del sistema adottato: l'apprendistato contribuisce al contenimento del tasso di disoccupazione a livelli elevati rispetto al resto del Paese, dimostrando la possibilità di adottare con successo il modello duale di matrice tedesca anche nel nostro contesto. Di contro, la scarsa propensione dei giovani altoatesini di lingua italiana (soprattutto le donne) a partecipare ai corsi per apprendisti, contestualmente alla poca attrattività che l'apprendistato presenta per alcune famiglie in tema di aspettative sociali, rappresentano ancora i principali ostacoli sui cui occorre insistere per sostenere l'importanza e la validità dell'istituto.
Ulteriore elemento ostativo alla trasferibilità è rappresentato dalla rete di scuole professionali pubbliche ben sviluppata in Alto Adige, in possesso di risorse finanziarie sia nella formazione e occupazione degli insegnanti delle scuole professionali, sia nelle attrezzature delle scuole, aspetti che nelle altre regioni sono ancora distanti da questo modello.

Apri: Il sistema duale di apprendistato per fronteggiare la disoccupazione giovanile: il modello della Provincia autonoma di Bolzano  pdf 2 MB

Soggetto emanante: Italia Lavoro
Autore: Roberto Cicciomessere
Data: 30-08-2013
Tipologia: Studi e ricerche
Parole chiave: apprendistato   indicatori complementari al tasso di disoccupazione   occupabilità   istruzione   integrazione scuola-lavoro   formazione professionale   giovani  

Documenti correlati
Benchmarking sull'apprendistato in Europa. Scheda Italia
Legge Provinciale Bolzano 4 luglio 2012, n.12 Capo II. Stralcio relativo all'apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale
Legge 28 giugno 2012, n. 92 (Riforma del mercato del lavoro)
Accordo ai sensi dell'art. 4, DLgs n. 281/1997, tra il Governo, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano per la definizione di un sistema nazionale di certificazione delle competenze comunque acquisite in apprendistato
Risoluzione del Parlamento europeo del 16 gennaio 2013, n. 2012/2901 INI
Monitoraggio sull'apprendistato. Tredicesimo Rapporto
I mercati regionali del lavoro primo trimestre 2013. Le dinamiche trimestrali
Rapporto annuale sulle Comunicazioni Obbligatorie 2013
Decreto Legislativo 14 settembre 2011, n. 167

Nella rete
Regione Trentino Alto Adige
Fareapprendistato
Trentino Alto Adige - Assessorato al lavoro e-o formazione
Oakley skidglasögonGHD Plattång,Kate Spade handbags online,Planchas de pelo ghd baratas,Nike Air Jordan Shoes outlet nz,Herve Leger Rea,UGG hombre madrid,Isabel Marant homme pas cher,Piumini Duvetica Uomo Milano,Nike Air Max rea Sverige 2016,Billiga UGG Stövlar rea,Canada Goose jack dam,moncler hombre online,Canada Goose outlet baratas,Christian Louboutin Outlet Online,Chrome Hearts outlet Italia,Hollister Outlet,moncler Jacka Dam